Mer. Ott 28th, 2020

Meteo Puglia

Il Meteo di Puglia e non solo

PUGLIA: ecco tutto i PROMOSSI e i BOCCIATI alle ELEZIONI REGIONALI

Ventotto seggi alla maggioranza (27 a tre liste oltre a quello del Governatore che ha totalizzato il 46,78% delle preferenze), 23 all’opposizione che andranno suddivisi tra la coalizione di Fitto (l’europarlamentare si è fermato al 38,93%) e i Cinque Stelle (11,12% per Antonella Laricchia). Il centrodestra ne prende 17 (più quello di Fitto come miglior presidente sconfitto), cinque invece ai grillini. 

In base alla suddivisione dei seggi fatta dal Viminale, la ripartizione dei seggi è la seguente: alla maggioranza vanno 16 seggi al Pd, 6 a alla lista “Con Emiliano”, e 5 ai “Popolari con Emiliano”.

Al centrodestra, invece, 6 seggi vanno a Fdi, 4 alla Lega, 4 a Forza Italia e 3 alla lista civica di Fitto “Puglia Domani”. A questi seggi va aggiunto quello del candidato governatore non eletto. I restanti 5 seggi vanno al M5S.

Quelli del Ministero dell’Interno sono dati provvisori. La convalida degli eletti avverrà dopo la proclamazione da parte della Corte di appello.

I TROMBATI E IL MISTER PREFERENZE

A Bari (PD) non rientrano in Consiglio regionale l’attuale presidente del consiglio, Mario Loizzo, e l’assessore Gianni Giannini del Pd, nella Bat resta fuori Ruggero Mennea e nel Tarantino, Michele Mazzarano. Nel Pd fa il boom il giovane avvocato trentenne Francesco Paolicelli, sostenuto dal sindaco Decaro, che racimola oltre 23mila staccando di oltre 3mila voti lady preferenze, Anita Mauridinoia.

Fuori anche Alfonsino Pisicchio: la lista Senso civico – un nuovo Ulivo per la Puglia, per effetto dell’applicazione della norma da parte del Viminale è stata esclusa dalla ripartizione dei seggi.

Esclusa dal Consiglio resta Puglia Solidale e Verde, dunque l’intera componente che fa capo all’ex governatore Nichi Vendola (non ha raggiunto il 4% su base regionale). Non ce l’ha fatta neanche l’ex vicepresidente Tonino Nunziante: Italia in Comune non supera il quorum per circa 2.500 voti. 

LE ESCLUSIONI NEL CENTRODESTRA

Nelle file del centrodestra nulla da fare per l’ex generale della Forestale, Giuseppe Silletti, ex capo della task force Xylella, nè per l’epidemiologa Danila De Vito che sfidava il consulente di Emiliano, Pier Luigi Lopalco(entrerà in Consiglio): la docente dell’Università di Bari non ha superato i 300 voti nella civica di Fitto.

Ottima performance per l’epidemiologo scelto da Emiliano che sbanca le urne con circa 15mila voti, incassando in anticipo una «nomina» ad assessore alla Salute da parte del Governatore Emiliano nel corso di una conferenza stampa in Regione. Lopalco in qualche modo «ferma» Peppino Longo, il vicepresidente uscente del consiglio regionale.

Copyright 2020 © All rights reserved - meteopuglia.org | Newsphere by AF themes.