NEVE da cuscinetto freddo al Nord – Ecco come si verifica questo fenomeno! I dettagli…

In questo momento la neve sta facendo la sua comparsa al Nord su diverse città, addirittura in pianura. Eppure non c’è nessuna irruzione di aria fredda con termiche in quota degne di nota.

Ecco infatti la classica configurazione nevosa per il Nord, denominata ‘ neve da cuscinetto’.  Ora scopriamo come si verifica questo fenomeno!

L’aria fredda artica che ieri ha raggiunto la nostra Penisola, in modo particolare il ‘versante Adriatico’, ha invaso anche le regioni del Nord Italia con un forte crollo delle temperature al suolo, anche con condizioni di tempo stabile e soleggiato. Poi, successivamente, agiscono i venti di caduta dalle Alpi e Appennini, i cosiddetti ‘venti di foehn’ che hanno permesso un forte calo della ‘ temperatura di rugiada‘ associato al forte crollo dell’umidità relativa.

Quindi, la colonna d’aria rimane secchissima e molto fredda  su diverse pianure e vallate con temperature anche diffusamente sotto lo zero termico, infatti nella mattinata odierna dal torinese fino alle pianure friulane le temperature hanno mantenuto valori attorno allo 0°C, o di poco al di sotto.

Da questo momento in poi, si entra nel vivo della nevicata da ‘cuscinetto freddo’, infatti, la massa d’aria molto fredda presente nei bassi strati non riuscirà subito a liberarsi  a causa della presenza del rilievi Alpini e Appenninici che proteggono gran parte della Pianura Padana dalle correnti miti di Libeccio. Saranno proprio le correnti miti a portare poi le forti nevicate nei bassi strati in un primo momento con accumuli anche degni di nota.

Le nevicate stanno interessando in queste ore la Valle d’Aosta, il biellese, novarese, vercellese, tutta la Lombardia centro-occidentale (Milano compresa), bergamasco, bresciano, Trentino Alto Adige, gran parte del Veneto centro-settentrionale, l’Emilia occidentale (piacentino, parmense)  e gran parte del Friuli.

Il ‘cuscinetto freddo’ non resisterà a lungo, specie sulle zone costiere del Nord-est, infatti, le precipitazioni potrebbero trasformarsi in pioggia in tarda serata, mentre resisterà per qualche ora in più sulle colline interne, almeno fino alla prima mattinata di domani. Poi il Libeccio sarà troppo forte e subentrerà, sfaldando il cuscinetto freddo, trasformando la neve in pioggia su diverse città nell’intera giornata di domani!

Antonio Pecere