Ven. Ott 30th, 2020

Meteo Puglia

Il Meteo di Puglia e non solo

Un NUOVO VIRUS minaccia il MONDO. Si chiama NIPAH e viene dall’INDIA. Morte 15 persone su 17. Ecco l’annuncio dell’OMS

Diciassette casi, 15 morti. Stando all’agenzia Reuters è questo il bilancio dell’epidemia di virus Nipah scoppiata a maggio scorso nello stato indiano del Kerala. L’India ritiene che la situazione sia ormai sotto controllo e il bilancio delle vittime è relativamente modesto, ma ci sono alcuni aspetti del recente focolaio che destano particolare preoccupazione tra gli esperti di malattie infettive. E molti ritengono che questo virus quasi sconosciuto all’opinione pubblica sia UNA MINACCIA MONDIALE. Continu sotto



Il virus Nipah
Nel 1998 nella località di Nipah in Malesia 105 persone morirono per unamisteriosa infiammazione cerebrale. La causa venne individuata in un nuovo virus, ribattezzato proprio Nipah (Niv), che gli esseri umani avevano contratto dai maiali. Tuttavia la ricerca mise in evidenza che l’ospite originario di Niv erano in realtà i pipistrelli della frutta, che avevano contagiato i maiali facendo cadere cibo infetto nei porcili. La conferma arrivò dalla successiva epidemia in Bangladesh nel 2004, quando diventò chiaro che i pazienti avevano contratto il virus bevendo la linfa di una palma infettata proprio dai pipistrelli della frutta.

Per l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), dunque, il virus Nipah è il responsabile di una grave zoonosi, un’infezione che si trasmette da animale a essere umano. Se contratto può avere diverse manifestazioni cliniche, dalle forme asintomatiche a infezioni acute delle vie respiratorie fino all’infiammazione cerebrale (encefalite) in genere fatale. Il tasso di mortalità è stimato tra il 40% e il 75%, un range ampio che varia in base alle capacità del Paese in cui si verifica il focolaio sia di gestire l’epidemia sia di assistere adeguatamente le persone infette.

La principale modalità di trasmissione da individuo a individuo (come per Ebola) è lo scambio di fluidi corporei, ma (a differenza di Ebola) il meccanismo ha un’efficienza più bassa.

L’epidemia del Kerala
L’ultimo focolaio di infezione di Niv si è verificato al maggio scorso nel Kerala, in India meridionale, a circa 2.600 chilometri dalla precedente epidemia più vicina. Sebbene l’epidemia sia stata contenuta e il numero di contagi e di decessi sembri modesto, ci sono alcuni aspetti che hanno fattogelare il sangue agli esperti internazionali che stanno monitorando l’evento. Innanzitutto il tasso di mortalità dell’epidemia di Niv in Kerala è stato superiore al 75%, più alto della media di qualsiasi altra epidemia di Niv precedente.

Inoltre ora il virus attacca molto più frequentemente anche i polmoni, differenziando ulteriormente le manifestazioni della malattia. Pare inoltre che sia avvenuto il contagio da essere umano a essere umano per viaaerea. Non si sa ancora bene come sia successo, ma l’ipotesi è che il patogeno sia stato veicolato attraverso microgocce di fluidi di una persona infetta in aerosol. Per gli esperti della Georgetown University di Washington DC se il virus si evolvesse per rendere questa modalità di trasmissione più efficiente, il pericolo di una pandemia sarebbe decisamente reale.

Verso il vaccino
Niv è considerato dal’Oms tra gli otto virus prioritari per lo sviluppo di un vaccino, accanto – solo per citare i più noti – a Ebola e Zika. Gli esperti dell’Oms, infatti, lo ritengono potenzialmente capace di causare un’emergenza di salute pubblica in assenza di farmaci efficaci e/o di vaccini”.

Per questo motivo l’Oms ha lanciato diversi appelli al mondo della ricerca e dell’industria farmaceutica perché si impegnino a trovare una soluzione nel più breve tempo possibile. Anche se a dare davvero una spinta in questa direzione è stata più che altro la spaventosa epidemia di Ebola del 2014, dei risultati sono arrivati: l’Oms, infatti, ha reso nota la disponibilità di un trattamento all’avanguardia sviluppato in Australia, un anticorpo specifico per il virus Nipah da usare sui pazienti in caso di future epidemie.

Tuttavia non siamo ancora vicini a un vaccino. La Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi) ha stanziato 25 milioni di dollari allo scopo di svilupparne e testarne uno, ma i progressi sono frenati dall’ancora scarso incentivo economico e dal fatto che il virus colpisca finora un numero esiguo di persone in Paesi a basso reddito. Eppure, se il virus riuscirà ad adattarsi all’essere umano, non ci sarà distinzione tra poveri e ricchi.

Copyright 2020 © All rights reserved - meteopuglia.org | Newsphere by AF themes.