Mer. Set 30th, 2020

Meteo Puglia

Il Meteo di Puglia e non solo

Chi fuma potrebbe essere protetto dall’infezione da CORONAVIRUS. La scoperta INCREDIBILE arriva dalla FRANCIA

PARIGI – La nicotina protegge dal coronavirus? È ancora solo una prima ipotesi scaturita dall’osservazione clinica nell’ospedale parigino di La Pitié-Salpetrière dove, secondo uno studio, solo il 4,4% dei 343 pazienti Covid-19 ricoverati (età media 65 anni) è un fumatore. La ricerca, appena pubblicata sul sito Qeios, ha esaminato anche il profilo di 139 pazienti che hanno consultato un medico con sintomi non gravi (età media 44 anni). E il risultato è stato simile: solo 5,3% di fumatori. A prima vista, è un dato che stravolge le convinzioni della maggior parte dei virologi secondo cui il tabacco è tra i fattori di rischio aumentato di fronte a una malattia come il Covid-19 che provoca gravi insufficienze respiratorie.

“Il nostro studio trasversale suggerisce che i fumatori hanno una probabilità molto più bassa di sviluppare un’infezione sintomatica o grave rispetto alla popolazione generale”, scrivono gli autori dello studio francese, tra cui l’epidemiologa Florence Tubach. CONTINUA SOTTO



“L’effetto è significativo: il rischio è diviso per cinque per i pazienti ambulatoriali e per quattro per i pazienti ricoverati. Raramente lo vediamo in medicina” aggiunge Tubach. “L’ipotesi è che fissandosi sul recettore cellulare utilizzato anche dal coronavirus, la nicotina gli impedisca o lo trattenga dal fissarsi, bloccando così la sua penetrazione nelle cellule e il suo propagarsi in tutto l’organismo” osserva Jean-Pierre Changeux, neurobiologo membro dell’Istituto Pasteur. I ricercatori ipotizzano che il “recettore nicotinico dell’acetilcolina” abbia un ruolo centrale nel propagarsi del coronavirus e sia all’origine della varietà di sintomi del Covid-19, tra cui la perdita dell’olfatto e disturbi neurologici.

Copyright 2020 © All rights reserved - meteopuglia.org | Newsphere by AF themes.